WOHNHAUS IN SISTRANS

WOHNHAUS IN SISTRANS

Logo AIT

 

 

7/8/2017 / pagina 96 – estratto in lingua italiana

WOHNHAUS IN SISTRANS

with fine stoneware by Aparici
Design Tatanka, AT-Mils

Il villaggio di Sistrans si trova nella bassa catena montuosa delle Alpi di Tux, a pochi chilometri da Innsbruck. Il villaggio, immerso nel verde dei prati, beneficia della vista del idilliaco mondo della montagna nord-tirolese. Della vista di questo panorama godono anche i residenti del palazzo a due piani di circa “233 piani superiori”, il balcone circostante con la balaustra di rete e le doghe orizzontali in legno che servono come protezione visiva e solare. Gli accessori interni sono altrettanto pensati e dettagliati come l’aspetto esterno. Particolarmente caratteristici sono i bagni. Il bagno dei genitori inserito nel pendio si apre ad un atrio e quindi è protetto dalla vista, nonostante i suoi vetri a tutta altezza. Solo alcuni materiali di alta qualità caratterizzano queste sale: legno di quercia oleosa per pavimento e lavabi, calcestruzzo esposto per i soffitti e tappeti del marchio spagnolo Aparici.

Su richiesta del cliente, il gres porcellanato in stile antico circonda la parete divisoria free-standing in un eye-catcher. Dietro ci sono il WC e la doccia. I tre architetti di Tatanka Joseph Bleser, Wolfgang Pöschl e Thomas Thum avevano la doccia coperta di tappeto. Nel bagno per bambini, anche il gres fine pre-invecchiato è stato installato. Questa patina è in ottima armonia con il nuovo edificio completato nel 2016.

Articolo in lingua originale

HBO Seattle

HBO Seattle

 

giugno 2017 / pag.114 – estratto in lingua italiana

HBO SEATTLE

di Sal Lubell, Photography by Eric Laignel

Cercando più del solito per uno spazio creativo di lavoro, HBO ha affidato a Rapt Studio la progettazione di un ambiente eclettico per l’ufficio di Seattle per il proprio Cod-Lab, un gruppo di ingegneria del software, che lavora sull’innovazione avanzata e sull’interazione. Gli HBO Code Lab, di  Seattle e New York, non sono casi tipici per l’industria dell’intrattenimento e tecnologica. I professionisti del software stanno sviluppando il prossimo livello di prodotti di intrattenimento e le esperienze interattive accessibili da ispositivi come smartphone, tablet, console di gioco e computer.

“Queste sono le persone che stanno reingegnerizzando l’intrattenimento. Ha avuto senso ripensare a come funzionavano”, afferma David Galulio, CEO di Rapt Studio, con sede a San Francisco e Los Angeles. Questo ufficio creativo HBO è stato progettato per consentire il processo di sviluppo agile con una moltitudine di opzioni per sedute, incontri, conversazioni e riunioni in serendipity, con un alto livello di flessibilità. Prendendo indicazioni dalla storia marittima di Seattle, HBO Seattle copre una superficie di 72.000 metri quadrati totali sui primi tre piani di un edificio per uffici a “Middletown”, con finestre a soffitto in piena vista della città.

Rapt Studio ha concepito n’estetica che unisce il linguaggio dei materiali del patrimonio cittadino con l’innovazione che si svolge all’interno. “Siamo molto orgogliosi di essere a Seattle”, dice Galulio degli di  HBO. I riferimenti alla storia industriale e marittima della città comprendono impianti di ascensore con decine di corde appese, superfici in acciaio grezze che circondano le scale, luci a sfera che evocano boe, pavimenti in legno chiaro, colonne in calcestruzzo, travi a vista in legno e metalli esposti condotte e cablaggi. Per promuovere l’interazione dei dipendenti tra i tre livelli, Rapt ha tagliato le aperture nelle lastre del pavimento e ha progettato grandi scale comunicanti.

Adiacente alle scale su ogni piano, i servizi sono catalizzatori di interazione, includono una zona di ricevimento, un caffè, camere demo e una sala giochi. Apparecchi di illuminazione, come le lunghe barre luminose a LED che si trovano sotto le panchine e lungo i soffitti, portano un tocco morbido e residenziale all’ambiente dell’ufficio. Lampade a sospensione acustiche friendly sono sospese su  aree aperte. Arredamenti riconfigurabili e interattivi sono contemporanei. Gli scaffali che possono essere facilmente spostati consentono ai dipendenti di riconfigurare le aree di lavoro e un piano rialzato è stato installato su ogni livello per massimizzare la flessibilità per l’alimentazione e l’HVAC. Per le zone aperte degli uffici, situate tra le scale e il perimetro di ogni piano, Rapt ha studiato mobili che possono essere adattati a ciascun gruppo creativo.

Lungo il perimetro di ogni piano, Rapt unisce lunghe sale rivestite da lavagne, per consentire agli sviluppatori di sviscerate anche visivamente un tema – con aree aperte, piccole nicchie, spazi per riunioni e zone di collaborazione. L’interazione può verificarsi sempre nella maggior parte dei luoghi. “Abbiamo costruito sulla “psiche” della gente, di come questa tende a riunirsi o meno” dice Galullo. “La gente può parlare informalmente e, in un certo senso, stiamo portando conversazioni nella sala delle riunioni. La conversazione è qualcosa che cerchiamo sempre di catturare”. I tavoli e le tabelle degli spazi di collaborazione, ad esempio, sono l’altezza della barra per consentire a coloro che passano di inserirsi facilmente in una riunione o in una conversazione.

Per allontanarsi da questa interattività, l’azienda ha creato spazi distinti, denominati librerie, che consentono un lavoro solitario nelle quali “non ti sembra di essere chiuso in un armadio”. La varietà e la flessibilità degli interni contribuiscono a creare un “senso di scoperta e di evoluzione, come il movimento di persone attraverso lo spazio”, afferma Galulio, che aggiunge che i leader HBO sono rimasti “sostenitori per l’utilizzo dello spazio nel modo in cui è stato progettato” Giiman Wong, vicepresidente senior per la progettazione di prodotti digitali e l’ingegneria di HBO, è entusiasta del fatto che il design “proietta un forte senso HBO” e riflette il suo abbraccio tecnologico e la sua visione fresca. Capacità per le squadre di collaborare su grandi progetti che attingono ad una vasta sezione di membri del personale.

Articolo in lingua originale

SIMPLE

SIMPLE

 

giugno 2017 – estratto in lingua italiana

SIMPLE

di Brian Libby Photo Chriestian Columbres

Azienda nata otto anni fa, Simple si occupa di operazioni bancarie, semplice.

Con sede a Portland, Oregon, la società ha sviluppato un sistema interamente accessibile online, tramite un sito web o un’applicazione mobile. Con questo modello di business e con questo nome, con il nuovo ufficio, la società mette in evidenza la propria “semplicità”. Progettato da Hacker per sentirsi “come a casa”, il luogo di lavoro di Simple sfida ciò che spesso può essere una cultura bancaria conservatrice.

Oltre 300 dipendenti di Simple lavorano sui primi quattro piani di un nuovo edificio a sei piani in legno situato nel quartiere centrale Eastland di Portland, un’area popolata da una miscela di imprese industriali tradizionali e da un numero crescente di aziende teologiche della nuova economia e aziende creative. Nell’accogliere la forza lavoro in rapida crescita di Simple, la sfida era mantenere l’apertura che l’azienda aveva goduto nel suo precedente spazio di Portland.

“Simple ha sempre avuto un layout aperto. Quando ho iniziato, il nostro amministratore delegato si è seduto in una scrivania accanto a me”, dice Mei Snyder, responsabile della gestione dell’ufficio. “Volevamo che tutti si sedessero insieme per avere la sensazione di collaborazione che c’è in una sturt-up di meno di 100 persone, per avere interazioni casuali, incontri e preservare la capacità di passarsi idee gli uni con gli altri. Volevamo rimanere connessi tra noi anche quando non lo eravamo».

Un luogo sereno per venire a lavorare, e uno spazio da personalizzare. Così stavamo in qualche modo cercando di creare un ambiente in cui ognuno facesse ple proprie cose”. Alcune delle limitazioni dell’edificio hanno presentato una sfida per i progettisti per raggiungere l’apertura desiderata. Le travi a soffitto avevano una profondità maggiore di quella inizialmente prevista, scendevano più in basso delle finestre. “Era una sensazione molto compressa sui piani”, dice Fowler. “Da un punto di vista interno, questo è una sfida “.

Anche così, i progettisti trovarono modi per ottenere l’altezza e la trasparenza. Mentre un concetto iniziale per tagliare una scala aperta al centro dei pavimenti si è rivelato troppo costoso, i progettisti sono inoltre riusciti a rivestire una scalinata prominente in vetro. Ad un angolo dei piani terzo quarto e quinto i progettisti hanno anche creato una maggiore profondità verticale rimuovendo parte del pavimento di accesso per generare aree di raccolta.

La scala in vetro chiusa, che consente anche a coloro che si trovano fuori di vedere facilmente le persone che passano da pavimento a pavimento, comprende il murales di un albero. L’area di lavoro è stata creata da artisti locali per animare lo spazio. Il progetto di Hacker approfitta delle travi del soffitto dell’edificio per creare un ritmo di spazi più piccoli, come sale conferenze, piccoli luoghi di incontro informali e cabine telefoniche intime.

Gli scampi di tessuto appesi a varie travi per la mitigazione acustica e per definire spazi. Oltre agli abeti di Douglas e al legno della della struttura, in altri ambienti il legno è il bianco compensato di betulla russa, usato per la reception, tutte le cabine, l’armadio per l’isola e le finestre a vetri integrati e il magazzino. Illuminazione, mobili e tappeti sono stati selezionati per migliorare la sensazione casuale con un senso di artigianato. I banchi di sit-stand inoltre dispongono di armadi a tre facciate personalizzati che aiutano a creare un senso di privacy in quello che è altrimenti un ufficio aperto.

Al piano superiore, un ampio ponte sul tetto è accessibile attraverso porte a fisarmonica sia da una grande sala conferenze sia da una sala giochi. Sono state integrate diverse soluzioni sostenibili, tra cui la luce diurna per tutte le aree di lavoro, le finestre apribili, i sensori di movimento per l’illuminazione elettrica e l’uso di pavimenti in legno a grana fine realizzati in legname riciclato. Alla fine, i nuovi interni hanno promosso le iniziative commerciali di Simple in più modi. “È stato un grande successo”, dice Snyder. “E ha aiutato assolutamente a reclutare personale”.

elle quali “non ti sembra di essere chiuso in un armadio”. La varietà e la flessibilità degli interni contribuiscono a creare un “senso di scoperta e di evoluzione, come il movimento di persone attraverso lo spazio”, afferma Galulio, che aggiunge che i leader HBO sono rimasti “sostenitori per l’utilizzo dello spazio nel modo in cui è stato progettato” Giiman Wong, vicepresidente senior per la progettazione di prodotti digitali e l’ingegneria di HBO, è entusiasta del fatto che il design “proietta un forte senso HBO” e riflette il suo abbraccio tecnologico e la sua visione fresca. Capacità per le squadre di collaborare su grandi progetti che attingono ad una vasta sezione di membri del personale.

Articolo in lingua originale

CERSAIE

CERSAIE

Logo AIT

 

 

11/2016 / pagina 38 – estratto in lingua italiana

CERSAIE

 

La Cersaie di Bologna è considerata la fiera leader dell’industria della ceramica architettonica. Ogni autunno, i fornitori presentano i loro ultimi prodotti in questo evento. Noi di AIT eravamo lì anche questa volta, in primo luogo per osservare le ultime tendenze stilistiche. Nel complesso, sette tendenze possono essere identificate dall’industria. Come l’anno scorso, la riproduzione di superfici tessili, di legno e di pietra è un grande argomento. Oltre a ciò, le aziende sperimentano molto con sul piano formale, stili, superfici, formati e motivi per il rivestimento di pareti e superfici.

CERSAIE 2016 • Facts & Figures
Zielgruppe: Architekten, Innenarchitekten,
Messeveranstalter: Bologna Fiere, Edi.Cer.
Ausstellungsfläche: 156.000 m Designer, Handwerker und Bauherren
Messegründung: 1983 Aussteller: 852
Messerhythmus: jährlich Besucher: 106.599

  1. Wall Couture

Seta, pizzo e tweed: si resta stupiti da come i produttori riescano a realizzare piastrelle in gres porcellanato capaci di generare suggestioni tattili e sensoriali identiche a quelle dei tessuti.

Con più di 850 espositori provenienti da oltre 40 paesi e circa 106.000 visitatori – quest’anno Cersaie ha nuovamente confermato la sua reputazione di Fiera Internazionale principale per l’industria della ceramica architettonica. Oltre alle ceramiche mobili e sanitarie, l’evento a Bologna presentava in primo luogo piastrelle, piastrelle e piastrelle

Al fine di mantenere una panoramica è stato utile accompagnare una guida ben informata: quest’anno abbiamo apprezzato l’azienda di Christina Faedi del marchio ombrello italiano “Ceramics of Italy”, che conosce meglio il mercato di chiunque altro. Ha individuato sette tendenze attuali notevoli in tutto il settore:

Non è esattamente nuova la tendenza quella dei di imitare tessuti (1), legno (2) e superfici in pietra (3);  È stupefacente l’effetto sensoriale che può essere raggiunto in termini visivi e attici. Inoltre, le aziende fanno molta sperimentazione formale con superfici 3D, formati e motivi di decorazione delle pareti. L’eleganza semplice dell’ Art Deco (4) celebra il suo ritorno sotto forma di superfici riflettenti dorate e lucenti, che includono delicati motivi floreali.

Inoltre, nuove tecniche di elaborazione trasformano piastrelle piatte in un inaspettato paesaggio tridimensionale (5) fatto di onde e crateri. La tendenza riguarda anche il gioco di nuove geometrie a lastra (6). “Qualità in un quadrato” è stata la notizia di ieri! Invece, la parete piastrellata può grazie a nuove forme, modelli e tecniche di stampa, diventare letteralmente un’opera d’arte a sé stante (7).

Questa è la prima volta che sono stato alla Ceramica d’Italia, e sono molto contento dei risultati. (1), legno (2) e superfici in pietra (3);

  1. Auf dem Holzweg

Spazzolati, affumicati, oliati, imbiancati, usati e sbiancati – il legno in tutte le fasi di lavorazione e il segno lasciato su di esso dagli agenti atmosferici era la tendenza al Cersaie di quest’anno: non c’era produttore che non ha  fornito un ampio portafoglio di riproduzioni di legno.  Looks and feels  con una crescente tendenza a fare divenire la naturalità di un prodotto artificiale un’alternativa reale al prodotto naturale originale.

3 Like a Rolling Stone

Nessuna pietra puù dirsi sicura di non essere riprodotta dalle manifatturee ceramiche. Non solo le texture sono impressionanti per la loro fedeltà all’originale naturale. Quello che forse lasccia ancor più stupefatti sono i grandi formati di lastre, spesso realizzate con uno spessore di pochi millimetri.

4 Comeback des Art déco

L’eleganza di Art Deco celebra il suo ritorno – a volte in forma di specchiatura o superfici luccicanti d’oro, a volte in stile d’epoca come ornamento sbiadito.

Nuovi metodi di elaborazione ad alta tecnologia trasformano piastrelle piatte in piccoli paesaggi tridimensionali di onde, nap, crateri e strati sovrapposti.

6 Neue Geometrien

Qualità in un “quadrato” piazza è una cosa del passato. Oggi, le piastrelle possono, possono e dovrebbero, apparire in forme diverse. Così diventano anche un elemento grafico di progettazione

7 Wall Art

Grazie a disegni  estesi e forme e modelli individuali, una parete piastrellata può effettivamente evolvere in una vera e propria opera d’arte – a volte anche all’aperto.

JACKIE

JACKIE

Logo AIT

 

 

02/2016 / pagina 72 – estratto in lingua italiana

 

JACKIE

Famiglie di Lampade di Panzeri

Girare la testa è il punto forte di Jackie: tutti i modelli della nuova linea del produttore italiano di illuminazione Panzeri hanno un giunto doppio nella parte della testa che permette una rotazione quasi senza limiti.

Le linee sono rettilinee e pure , con forme squadrate e angoli arrotondati. Oltre alla versione da tavolo, con base,  pinza o pin, c’è la versione da terra, a sospensione e due modelli da parete. Ad eccezione del modello a sospensione e del modello a parete più corto, il braccio è snodato in due punti; ciò, in combinazione con la mobilità della testa rende gli apparecchi adattabili a ogni possibile contesto, anche grazie alla funzione dimmer, azionabile dalla base,  per regolare l’intensità luminosa. Il modulo a LED con 18 diodi fornisce non solo luce direzionale ma anche un diffusa luce d’atmosfera verso i lati. Realizzatia in alluminio pressofuso e in alluminio estruso, ogni modello è disponibile in diversi colori poliacrilici: in bianco, rosso, nero o titanio. Mentre la versione da tavolo e da parete più grande sono costituite da un braccio rispettivamente d 53,  54 e 59 centimetri, la lampada da terra misura 128 e 59 centimetri. Il modello da parete più  piccolo e la versione a soffitto misurano 15,5 e 30 centimetri.

Gli apparecchi si adattano agevolmente in qualsiasi ambiente e grazie alla loro sofisticata tecnologia sono estremamente indicate per l’utilizzo al tavolo di lavoro.

Articolo in lingua originale

APARTMENT FILIPPO

APARTMENT FILIPPO

Logo AIT

 

 

7/8/2017 / pagina 156 – estratto in lingua italiana

APARTMENT FILIPPO IN LONDON

Design Studio Alexander Fehre, Stuttgart by Christine Schröder

Coloro che non vogliono negare a se stessi una casa privata in un contesto urbano nonostante i prezzi immobiliari in continuo aumento ei loro mezzi finanziari limitati, devono ridurre lo spazio vitale. Il designer Alexander Fehre, stilista di Stoccarda, ha recentemente dimostrato a Londra che questo bisogno non comporta inevitabilmente comodità o generosità ridotta. L’appartamento di oltre 45 metri quadri del suo cliente Filippo comprende cucina, bagno, soggiorno e camera da letto, ed è situato proprio al centro della metropoli britannica. Dopo aver analizzato le esigenze del cliente, le funzioni e la loro organizzazione sono state pianificate con grande dettaglio per sfruttare ogni millimetro disponibile. Il salotto diventa contemporaneamente l’area d’ingresso e, proprio come la cucina e il corridoio, è finito con parquet di “pesce” nero, che unisce visivamente la struttura spaziale. Un tappeto segna il salotto con uno spazio di lavoro integrato e un comodo divano, contrastando così sottilmente la zona sospesa dall’area di circolazione. Il culmine nella cucina stretta è la zona pranzo sotto forma di un angolo di seduta rosso scuro alla finestra, che è incorniciato da carta da parati grafica. Anche in bagno, le pareti progettate con colori vivaci e modelli emozionanti nonché i mobili perfettamente attrezzati e spaziosi sono misure di successo che Fehre ha usato per offrire un luogo generoso di ritiro nel centro della grande città.

Articolo in lingua originale

Indietro

Pin It on Pinterest