Stibbe
5 (100%) 3 votes

Stibbe

da | Ago 10, 2017

06/2017 / pagina 100 – estratto in lingua italiana

 

Stibbe

Interior Architects Fokkema & Partners
Building Architect : Joe Coenen Architects&Urbanists
Di Krista Sykes
Photography by Horizon Photoworks

 

Lo studio legale Stibbe, fondato nel 1911, ha costruito una “international practice” con uffici in sette Paesi. Con sede a Amsterdam e situato nel centro storico della città, per anni l’azienda ha avuto bisogno di un nuovo ufficio che riflettesse il suo carattere di studio in costante espansione. Stibbe occupa ora una straordinaria nuova costruzione che, con il proprio carattere, rispecchia un approccio straordinariamente moderno nella progettazione dell’ufficio legale. Con i suoi interni di lavoro, in precedenza divisi in numerose piccole stanze, gli amministratori dello studio Stibbe hanno voluto che il nuovo ufficio fosse uno spazio fluido che favorisse l’interazione informativa e la comunicazione tra i vari gruppi di lavoro e le generazioni di avvocati.
Negli Zuidas, un distretto di business in rapida evoluzione nel sud di Amsterdam, all’interno di un nuovo edificio dinamico di Jo Coenen Architects & Urbanists, Delft, lo studio di Architettura e Design dei Paesi Bassi Fokkema & Partners, ha creato uno stile sofisticato per Stibbe.

Uno spazio aperto e integrato con l’ambiente con forme geometriche e materiali senza tempo, consente ai quasi 200 avvocati e personale associato di Stibbe di realizzare facilmente il proprio lavoro e di incontrare i clienti.
Votato all’understatement e scultoreo dopo aver invitato le aziende di design selezionate a presentare concetti per gli interni, Stibbe ha scelto Fokkema, conosciuta come una delle maggiori aziende olandesi che creano interni per gli ambienti di lavoro.
“Lo stile di Fokkema, elegante ma semplice, è il modo in cui volevamo rappresentare noi stessi”, afferma Marcel Abbringh, direttore generale di Stibbe. “E con l’ampia esperienza di Fokkema per la progettazione di studi legali, i progettisti hanno capito le esigenze della nostra attività”.

Laura Atsma, partner di Fokkema, ha guidato il team di progettazione che ha sviluppato il raffinato concetto di lavoro, inserendo vuoti e spazi di collegamento per creare un interno scultoreo. “A differenza del tipico ufficio legale, spesso chiuso e cupo, l’edificio di Stibbe si lega alla trasparenza, all’interazione, alll’incontro”, spiega Atsma.
La trasparenza consente la comunicazione tra interni ed esterni e tra le persone “.
5.000 metri quadrati in cui lavorano circa 450 dipendenti, l’impressionante edificio di otto piani circonda un atri in vetro triangolare. Il piano terra, che ospita la lobby, la biblioteca e il bar, si collega al primo piano tramite scalinate e passaggi aperti, che forniscono anche l’accesso all’auditorium e al ristorante. Dal secondi al settimo piano ci sono uffici e aree di supporto. Spazi aperti per gli avvocati junior occupano gli angoli, e gli uffici di due o tre persone si susseguono lungo il perimetro dell’edificio.
Pareti di vetro sagomato circoscrivono gli uffici, estendendo il concetto di trasparenza dietro le porte chiuse. Le sale riunioni si affacciano su i due lati dell’atrio e i balconi si inclinano lungo un altro piano di fronte a un salotto comune. Le strutture a servizio completo per l riunioni si trovano nei primi due piani. Oltre alle numerose sale conferenze, l’ottavo piano ospita un’area di ricevimento che avvolge il lucernario atriale a forma di prisma, collegando visivamente questa zona superiore al resto dell’edificio sottostante.
Al nono piano, una sala ellittica in vetro corona l’edificio come un gioiello lucido. Un vocabolario condiviso di forme e materiali. Nell’atrio, il pavimento in marmo leggero e le pareti inferiori creano un ambiente luminoso e accogliente. I pannelli acustici bianchi, personalizzati e realizzati in MDF, sostenuti da una superficie in feltro, seguono la struttura di acciaio dell’edificio innalzandosi verso la sommità. I pannelli sono perfettamente integrati, assorbono il rumore “echeggiando” le forme triangolari che si presentano in tutti arredato personalizzati dell’edificio.

Oltre a sfruttare il triangolo come elemento unificante, i progettisti hanno adottato una tavolozza di impiallacciatura di quercia, cuoio naturale e vetro per integrare gli spazi interni dell’edificio. Questi materiali appaiono per la prima volta nella lobby, creando un linguaggio comune a tutti gli uffici. Le scale della lobby di quercia anticipano i materiali delle pareti e dei pavimenti della biblioteca e del bar, così come i pannelli a muro che punteggiano i corridoi. Il cuoio naturale è molto apprezzato sulle panchine dell’area di lavoro e della sala riunioni, nonché nelle sedie della sala conferenze.
Le pareti di quercia con cuciture diagonale in cuoio sono un segno distintivo e ornano l’auditorium. Il vetro si presenta in quasi tutti gli spazi, dal lato unico dell’uditorio al piano superiore della sala riunioni, come un promemoria sempre presente che l’edificio Stibbe è, soprattutto, la trasparenza. Oltre a fornire un ambiente di lavoro accattivante veramente ospitale, Abbringh dice che gli interni “rendono più facile la collaborazione tra gruppi e dipartimenti di lavoro, completare progetti e individuare nuove opportunità per l’azienda”.
“Sfruttando al meglio la sua imponente sede di lavoro, il bel atrio e gli ampi spazi di incontro, Stibbe ospita regolarmente ricevimenti e eventi per clienti, colleghi e istituzioni accademiche, rafforzando così le connessioni dell’azienda con la comunità.

Indietro

Pin It on Pinterest